PolPolpette di polpopette di polpo fritte o al forno.

Della serie “non si butta via niente” il pane raffermo è ideale per una serie di preparazioni di recupero. Tra queste sicuramente le polpette di pane. Una variante ben più ricca e saporita sono le polpette di polpo. Si possono preparare sia fritte che al forno. Io sono sempre attenta alla dieta, e quindi ho optato per una versione light (si fa per dire), al forno. Potete prepararle anche con gli “scarti” del polpo utilizzato per la ricetta dei tentacoli di polpo grigliati.

Acquistate il polpo fresco (octopus vulgaris) e già arricciato (circa 800 g. per 20/25 polpette), come vi ho già spiegato nella ricetta dei tentacoli di polpo grigliati, lessateli in abbondante acqua non salata. Saranno pronti quando si riuscirà a puntarli con una forchetta.

Eliminate la pelle e l’apparato boccale, e tritate il tutto prima grossolanamente con il coltello, e poi con un frullatore. Aggiungete la mollica di 2 fette di pane raffermo precedentemente ammollate in acqua e latte e ben strizzate, 1 uovo intero ed 1 albume, pecorino grattugiato (circa 50 g.), sale, pepe, un cucchiaio di olio E.V.O.  e, se lo gradite, un po’ di buccia di limone.

Formate delle polpettine un po’ allungate (la forma tipica delle Knell) e ripassatele nel pan grattato, o nel panko, o anche in un misto di pangrattato e semi di sesamo. Adagiatele ben distanziate su una teglia rivestita da carta forno leggermente oliata.

Cuocete in forno statico a 200° per circa 10 minuti, fino a quando risulteranno belle dorate esternamente.

Ed ecco pronte le vostre polpette di polpo al forno.

In alternativa potete impanarle con una doppia panatura (farina, uovo sbattuto meglio se di soli albumi, e pan grattato) e friggerle in abbondante olio di semi preferibilmente di arachidi.

Scolatele su carta assorbente e servite le vostre polpette di polpo belle calde.

Io le ho accompagnate con una gustosa maionese vegan.

Buon appetito!

Se avete bisogno di una mano per preparale la prima volta, contattate la vostra

Zia a domicilio.