I peperoni cruschi (croccanti) sono un prodotto tipico della Basilicata. Si tratta di peperoni rossi allungati, essiccati al sole e resi croccanti perché fritti in abbondante olio. Particolarmente buoni e adatti a questa trasformazione, sono i peperoni di Senise, riconosciuto anche prodotto IGP.

La ricetta che vi descrivo oggi mi è stata consigliata dalla mia amica Giovanna che è di Avigliano e che mi ha fatto scoprire questo interessantissimo abbinamento.

E’ stata rivisitata a modo mio, anche per renderla un po’ light.

INGREDIENTI:

  • 1 Kg. di BACCALA’ (*)
  • 10 PEPERONI CRUSCHI (circa)
  • OLIO E.V.O.
  • PREZZEMOLO
  • BUCCIA DI LIMONE
  • POLVERE DI PEPERONI CRUSCHI

(*) Io preferisco prendere il filetto salato e tenerlo a bagno per 2-3 giorni cambiando l’acqua almeno mattina e sera.

 

 

BACCALA

PROCEDIMENTO:

Mettete in una casseruola il baccalà tagliato a pezzi non tanto piccoli, portate a bollore e (se necessario) salate leggermente; lessatelo per circa 8-10 min.

Scolate il baccalà, privatelo di eventuali lische, tagliatelo grossolanamente e riponetelo in un piatto da portata.

A parte soffriggete i peperoni in abbondante olio di oliva. Basteranno pochissimi secondi, giusto il tempo di renderli croccanti.

La ricetta originale prevede che con l’olio di frittura si condisca il baccalà. Io ho preferito scolare per bene i peperoni (adagiandoli su di una carta assorbente), e condire il tutto con olio extravergine di oliva a crudo, prezzemolo tritato ed una grattata di buccia di limone (mi raccomando non trattato!).

Infine spolverate il tutto con polvere di peperoni cruschi che troverete nei negozi specializzati o acquistabile facilmente via internet.

COMPLETO

Buon Appetito!

E mi raccomando, se poi avete bisogno di una mano, o volete preparare il piatto la prima volta in compagnia, contattate la vostra

Zia” Anna

(laziaadomicilio@gmail.com)

ABBINAMENTI:

L’ho abbinato con un Verdicchio dei Castelli di Jesi  DOC– Classico Superiore – 2013 – Andrea Felici.